too YOUNG to DIE

Il Museo d’Arte Urbana, nell’ambito di un ciclo di progetti dedicati al sociale, sviluppati con il tramite artistico della fotografia, inaugura, venerdì 8 giugno, dalle 18.30 alle 21.30, presso la Galleria del MAU via Rocciamelone 7 c Torino, la mostra Too YOUNG to DIE, di Roberto Cortese e Pietro Naos.

too YOUNG to DIE

(troppo GIOVANI per MORIRE)

Progetti fotografici di:

Roberto Cortese – Dolls too Human

Pietro Naos – Life Line

La collaborazione fra Roberto Cortese e Pietro Naos nasce innanzitutto dalla passione per la fotografia, dall’amicizia e stima reciproca, subentrata, nel corso del tempo, nelle lunghe chiacchierate sull’importanza e sull’influenza che le immagini hanno nel mondo di oggi, dai social network alla rete web e quindi sul pericolo di venire plasmati, modellati, secondo i canoni moderni di una società che confonde fino a disabilitare le funzioni proprie della natura umana, rendendole così arrendevoli tanto da mostrare il lato freddo e poco sensibile verso i bisogni maggiori, che rendono questo pianeta unico.

La fotografia è certamente, lo strumento di comunicazione più diffuso per congelare istanti preziosi, catturati mentre tutto scorre alla velocità della luce, per parafrasare il Mahatma Ghandi “il rumore della vita rischia di perdersi nel frastuono delle voci”, quindi, la quantità inimmaginabile di informazioni visive, corrono il pericolo di smarrirsi nei server, banche dati o cloud informatici di dubbia sicurezza.

La proposta progettuale che vede gli autori proporre una visione artistica di carattere umanistico sociale, attraverso la lettura delle immagini fotografiche, un percorso che vede nella nostra infanzia e nell’età avanzata una ricerca per il recupero dei valori della società odierna, un’iniziativa denominata “too YOUNG to DIE”, che propone di focalizzare un ritorno, non solo alla fotografia più pura, ovvero quella di raccontare una storia, ma anche di presentarsi, ingenuamente se vogliamo, come un bimbo in lacrime che ha perduto la mano dei suoi genitori in una strada affollata o in un centro commerciale.

Questa mostra vuole essere soltanto un monito per un ritorno alla semplicità della vita e alla sua più difficile comprensione, attraverso i valori che hanno reso l’uomo così forte da farlo sopravvivere sino ad oggi.

Roberto Cortese

Pietro Naos

A cura di Daniele D’Antonio e Edoardo Di Mauro
Fino al 2 luglio lunedì dalle 17 alle 19 o su appuntamento
Ingresso libero e rinfresco
Sostenitori istituzionali : Regione Piemonte, Compagnia di San Paolo, Fondazione CRT
Sponsor tecnici : OIKOS Colore e Materia per l’Architettura, Fiammengo Federico srl
Direzione Artistica della Galleria del MAU : Daniele D’Antonio e Edoardo Di Mauro
Partner : Associazione Tribù del Bad Night Cafè/Cabina dell’Arte Diffusa, Officine Brand www.officinebrand.it, Galleria Campidoglio www.galleriacampidoglio.it
Info : 335 6398351 info@museoarteurbana.it www.museoarteurbana.it

https://www.facebook.com/events/374123783073484/

 

 

31301682_217808162314479_4044718715806154752_n

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *