Via San Donato Torino: antiche immagini

tsimbolo

Antico stemma del Borgo San Donato

7a151a46555247178327e044aa7c80b9-1

http://www.mondotram.it/paolo-c/img/torino_p_nord.jpg


Le prime tracce storiche di Borgo San Donato risalgono al 1536, quando le truppe francesi devastarono l’abitato e distrussero la chiesetta dedicata a San Donato. La via San Donato fu chiamata così a partire dal 1835, mentre prima era detta strada del Martinetto perché conduceva al borgo omonimo, che deve il suo nome ai magli (martinetti) azionati dall’acqua del canale della Pellerina, che qui si divideva a formare il canale di Torino.

Il borgo San Donato, pur essendo “fuori le mura”, aveva una posizione molto privilegiata, trovandosi sulla strada reale di Francia, corrispondente all’odierno corso Francia. Durante il XVII e il XVIII secolo dimostrò una spiccata vocazione agricola, grazie ad un ottimo sistema di irrigazione che facilitava la coltivazione di orti. Molti artigiani si stabilirono nel borgo, attratti dal canale di Torino che forniva energia a basso costo.

Il borgo è sempre stato propizio alle industrie alimentari: Pier Paul Caffarel nel 1826 in via Carena  aveva rimodernato un laboratorio di cioccolata ancora oggi famoso, e la prima fabbrica di birra venne qui fondata da Bosio e Caratsch. Il 10 gennaio 1851 l’allora sindaco di Torino, Bellono, citò in una relazione il piano di sviluppo per la zona ovest della città di Torino che costituì l’atto di nascita del borgo.

A metà del XIX secolo San Donato non era aperta campagna, come altre zone di Torino, ma vi erano già, ben delineati, tre nuclei abitativi. In regione Valdocco vi era l’agglomerato intorno all’antica fabbrica di armi (sull’attuale via Livorno) dipendente dal ministero della guerra. Era una presenza importante perché dava lavoro a molti degli opifici sorti sul territorio circostante, soprattutto del settore meccanico e dei pellami.

La zona del Martinetto rivestiva una certa importanza grazie alla presenza del canale omonimo e di quello di Torino. Vi era una fabbrica di cardatura di stoffe e lane, una di maiolica e numerosi piccoli opifici e laboratori artigianali. Esisteva infine un terzo polo, quello del Bruciacuore, a metà di via San Donato, abitato dalla popolazione più povera di tutto il quartiere; qui avevano sede due importanti concerie: la Martinolo, sorta dopo la Restaurazione e la Fiorio sorta nel 1837. San Donato era dunque un borgo con un tessuto complesso, con alcuni caratteri particolari che, conservandosi a lungo, ne condizionarono lo sviluppo successivo.

La popolazione era molto varia: contadini, braccianti, artigiani, lavoranti a domicilio, operai, piccoli commercianti. Gli immigrati provenienti da tutto il Piemonte determinarono un importante sviluppo demografico (5200 abitanti nel 1862).

Nella seconda metà dell’Ottocento fu ancora l’antico tracciato dei canali a determinare la localizzazione dei nuovi insediamenti. All’inizio del 1870 entrò in funzione la condotta di forza motrice della Ceronda, che sembrò costituire una nuova occasione di espansione produttiva. In realtà si limitò a fornire un sussidio energetico agli opifici esistenti.

Verso la fine del secolo il quartiere si estese con le costruzioni intorno a corso Francia e via Cibrario e con l’apertura di corso Regina Margherita fino alla cinta daziaria del Martinetto. Le tre arterie principali di via San Donato, via Cibrario e corso Regina vennero a costituire dei veri spartiacque che caratterizzarono a livello sociale e professionale la popolazione. La zona del Valdocco era abitata dagli operai dei cotonifici; la zona del Martinetto da quelli delle concerie; la zona di via Cibrario, di carattere più residenziale, ospitava commercianti, impiegati e studenti.

Proprio qui le vie Piffetti e Cibrario accolsero villini e case borghesi modellate sul gusto Art Nouveau. In via Piffetti i villini residenziali progettati da G. Gribodo si distinguono per i particolari dei piccoli ingressi e per i balconi: sfingi, innumerevoli fiori e motivi desunti dall’architettura nordica si confondono in quella favola liberty destinata a spingersi fino alle vie Salbertrand, Servais e Pietro Cossa (villino del n. 88).

In via Principi d’Acaja 11 vi è il capolavoro di Pietro Fenoglio: villa La Fleur con la facciata coronata da garbati ferri battuti. Altri edifici notevoli sono il villino Raby di corso Francia 8 e il palazzo di via Cibrario 65 ove morì il poeta Guido Gozzano.

Nel corso dei primi anni del Novecento ebbero inizio i lavori di copertura del canale di Torino, proseguiti poi negli anni cinquanta. L’avvento dell’energia elettrica favorì l’allontanamento degli imprenditori: una volta perso il legame con il canale essi cercarono spazi più ampi per le loro imprese. Al termine della prima guerra mondiale le industrie che risultavano presenti nel censimento del 1911 erano ancora tutte efficienti, ma già intorno agli anni trenta e nei primi anni quaranta la Talmone, la Bosio, la Laurenti e altre si trasferirono.


 image8_zps5af7dd28

  588ebca0a5dd4b98880256e3bd9e9158-1

vsandonato2

Via San Donato 80

Torino01

860_001

La fabbrica di cioccolato di Michele Talmone venne fondata nel 1850. La sua prima sede fu in via degli Artisti acquistando la nota fabbrica Moriondo e Gariglio. Conquistata presto una buona clientela, la fabbrica si trasferì in via Balbis, all’angolo con via Pinelli e corso principe Oddone; allo stesso tempo aprì un negozio in via Lagrange.

image725

Istituto salesiano «Agostino Richelmy»

La costruzione più antica risale al 1894, un vecchio edificio, probabilmente una fabbrica in disuso, che, a seguito di successivi progetti, è stato elevato a quattro piani. Altre parti dell’edificio risalgono agli anni ’30 e ’50.

richelmy

istitutorichelmy

25-richelmy

richelmy 124_001

Le vicende della Conceria Fiorio iniziano il 4 agosto del 1837, quando Domenico Fiorio chiede al Comune di Torino il permesso di edificare in regione Martinetto un edificio da adibire ad uso conceria.

Lo stabile conosce successivamente progressivi cambiamenti: nel 1838 infatti è sopraelevato di un piano l’edificio originario al quale si aggiunge, nel 1854, un nuovo fabbricato. Sono però le modifiche e le nuove costruzioni volute tra il 1882 e il 1909 dai fratelli Filippo e Giovenale Fiorio (diventati titolari dell’impresa che occupa circa 250 dipendenti) a costituire la struttura definitiva del complesso industriale, che si manterrà tale anche negli anni successivi.

concerie_florio_big

4a5ba5822fc141bd98d17b8120c3e4f9-1

      MOLASSI

11ce68g

4431ac1772a74b0ebb1c57d806f0e908-1

Barriera_del_Martinetto_1

zonaviavagnone

So che nell’area all’incirca della Via Sobrero passava una diramazione minore utile alle ruote della conceria Bruciacuore – Martinolo, mentre un’altra definita orti scorreva a lato dell’attuale via Vagnone.Tuttavia il canale di Torino è ancora in funzione e giuro di aver sentito il rumore dell acqua in via Carena all’ angolo con via Balbis, dove vi è un salto con presa dal Torino al Ceronda “

Nuova immagine

gabcappellademolitavcarenaangviavagnone2_zps7314bc8d

gabcappellademolitavcarenaangviavagnone_zps2abfaeb4

Nel 1832, Paolo Caffarel, fondatore della Casa Caffarel, acquista la «fabbrica da cioccolato» e subentra nell’attività del Bianchini in via Carena. Alcuni dei «lavoranti», intraprendenti e lungimiranti, passati dal suo stabilimento, a loro volta, danno avvio a nuove imprese. Fra questi Michele Talmone, la cui fabbrica è attiva a pochi metri da quella di Caffarel e della ditta Prochet, Gay e Compagnia, in Borgo San Donato, che diventa così il polo cittadino della produzione cioccolatiera.

          getRegion part14pic02-305x400  Caffarel_05 part15pic05-400x274

La fabbrica di birra Bosio & Caratsch venne fondata nel 1845 da Giacomo Bosio, cui succedettero il figlio Edoardo Bosio e il nipote Simeone Caratsch. La sede originaria era centralissima, in via della Consolata; nel 1870 venne trasferita in Borgo San Donato, in C.so Principe Oddone n.81. Il motto era «Bona cervisia laetificat cor hominum», la buona birra allieta il cuore degli uomini. La fabbrica venne ampliata nel 1885 ad opera dell’Architetto G. Demicheli.

tbosio

bosio

Carlo Metzger aprì nel 1862 i battenti della sua fabbrica di birra sulla via del borgo, l’attuale via S. Donato n. 68, che pubblicizzava il suo prodotto come «liquido amaro dissetantissimo e nutrichevole dal sapore speciale». Famosissimo era lo slogan, adottato nel linguaggio comune: Chi beve birra campa cent’anni.

birreria_metzger_big

tinterno

aaa8a7d772df43a69810ca4df85875e0-1

SITOGRAFIA

http://baldung.blogspot.it/2012/04/lospedale-militare-michelin-torino.html

http://www.mth.it/it/azienda-it

http://www.iltorinese.it/19111/

https://it.wikipedia.org/wiki/San_Donato_%28Torino%29

http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?p=60365859

http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=530446&page=2

http://www.memoro.org/it/speciale_quartieri.php

http://piemontecase.blogspot.it/

http://www.comune.torino.it/circ4/eut/2009/territoriostorico.pdf

http://www.vivoscuola.it/us/istruzione-cles/PROGETTO%20CUOIO/History.htm

http://www.amicideimuseibra.it/mostra-le-concerie-braidesi-tra-xix-e-xx-secolo/

http://www.istoreto.it/to38-45_industria/schede/conceria_fiorio.htm

http://www.mondobirra.org/birratorino.htm

https://it.wikipedia.org/wiki/Edoardo_Bosio

http://lacucinaeconomica.blogspot.it/2013/12/cioccolato-chiedete-ai-torinesi.html

http://dallasfood.org/2011/04/gianduia-gianduja-nutella-part-15/

http://www.digibess.it/fedora/repository/cciaato:TO0339-00187-0035

http://www.atlanteditorino.it/zone/monviso.html

http://www.skyscrapercity.com/showthread.php?t=364547&page=476

http://bertola.eu/nearatree/2008/09/domande-su-torino/

http://www.museodellearmi.com/index.php?module=loadContenuto&nome=20&dx=1&fat=18

http://www.istoreto.it/to38-45_industria/schede/arsenale_militare.htm

http://www.museotorino.it/view/s/7135920b151845f48189f1d5310dfb80

https://www.youtube.com/watch?v=B7_EEIY_rpc

http://www.museoarteurbana.it/cioccolato-talmone/

http://www.pieralevimontalcini.it/CittAgor%C3%A0stampa/2008/CittAgor%C3%A0%2020080715.htm

 

Deja un comentario

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos necesarios están marcados *